Lunch time

9 febbraio 2010 martedì


Certi giorni li "strozzerei" e mi dico che mi sono tirata la zappa sui piedi, ma... Ormai Vittoria è in prima media e Guglielmo in quarta elementare. Qualche anno fa, quando mi sono ritrovata a dover scegliere la scuola elementare in cui iscriverli, ho vissuto momenti di grande incertezza e difficoltà in quanto per me era importante che i bambini pranzassero a casa e avessero i pomeriggi liberi. Nella immediate vicinanze una scuola che proponesse questo orario era una richiesta impossibile. Già gli anni dell'asilo sono stati, per il mio modo di pensare, una forzatura, tutte quelle ore fuori casa per di più per dei bambini molto piccoli. Ho subito in silenzio. Ma per la scuola ero intestardita. L'idea del sabato sonnecchiante mi piaceva eccome, ma quei pranzi alla mensa e quei pomeriggi chiusi in una scuola proprio non mi andavano giù. La mia idea di orario ideale in zona non era contemplata, perciò sono scesa al compromesso di due pomeriggi a scuola con sabato impegnato e purtroppo una scuola logisticamente un po' scomoda, ma la scelta mi soddisfa e quando alle dodici e mezza (per Vittoria l'una) arrivano a casa, i miei figli lanciano le scarpe, si rilassano e si godono un pranzetto come si deve in attesa di un pomeriggio libero da stressanti costrizioni...ce n'è tutto il tempo!

25 commenti:

FEDERICA ha detto...

Ciao Franci,
ancora non ho dei bimbi ma in effetti la penso proprio come te. Vorrei che potessero passare il maggior tempo possibile insieme a me.
Che bella la tua tavola! La tua casa deve essere veramente calda ed accogliente.
Buona giornata,
Federica.

P.s. La torta è venuta benissimo!

fabrizia ha detto...

sono d'accordo con te...ho appena fatto la stessa scelta nel delicato passaggio da asilo nido a scuola materna!all'ora di pranzo non è com me..ma lo lascio in buone e coccolose mani come solo quelle dei nonni sanno essere!poi arriva anche la mamma..
ciao,fabrizia
p.s. mi piaccioni molto i piatti..

Etta ha detto...

... come ti capisco! Anche il mio bimbo più grande Giosuè è in 4^ elementare e tutti i pomeriggi è a scuola, quando riesco lo vado a prendere a pranzo ma è sempre tutta una corsa perchè entro le 14 deve rientrare... quindi faccio appena in tempo a cucinare che è già ora di tornare a scuola!! Una domanda.. la tua tavola è sempre così bella?? Così mi fai sognare!!!
Un bacio
Etta

Anonimo ha detto...

Insomma l'idea di pranzare a casa con i propri figli non dispiace a nessuno, ma il continuo aumento delle scuole "full-time" è strettamente legato al fatto che ci sono molti genitori che lavorano e non hanno nonni vicino sulla quale contare!!!! Insomma non tutti si possono permettere di mandare i figli a scuola solo il mattino....spesso per ragioni economiche e non solo.....certo che se dovessimo/potessimo ascoltare le ragioni del cuore ogni mamma e ogni papà vorrebbe pranzare ogni giorno con la propria famiglia....magari ad una tavola bella come la tua....ma spesso ci si deve accontentare del panino mangiato di corsa al tavolino del centro commerciale e se ti va bene il tuo "compagno di merende" non è un rompi.......col pensiero però sei sempre con la tua famiglia!!! Insomma....i tuoi figli ti ringrazieranno da grandi.....io spero solo che i miei capiscano la fatica che faccio nel NON poter stare con loro tutto il giorno....spero però che anche i miei mi ringrazieranno!!!
Saluti a tutti

Anonimo ha detto...

Be' io non sarei così negativa nei confronti delle mense scolastiche. Il menu' è equilibrato e quasi per intero biologico (almeno dove vanno i miei figli). Certo si tratta sempre di una mensa, ma la scuola per i bambini non è solo imparare le materie principale, deve anche essere una scuola di vita e di socializzazione. Anche da adulti i veri amici spesso sono quelli che abbiamo conosciuto a scuola e forse l'intervallo di 10 minuti non aiuta molto, ma la pausa mensa di due ora forse si!!
Complimenti per la tua tavola.
Teresa

Franci [dolce casa] ha detto...

federica: vista la torta! E' bellissima!
A presto

fabrizia: santi nonni! I piatti sono di Flamant.
Ciao, grazie.

etta: le corse verso gli impegni sono un destino comune! La tavola così è solo questione di abitudine...tranne i tovaglioli (per i quali ho antipatia e non li uso quasi mai!), la mia tavola è sempre così.

anonimo: allora, mi dispiace che a volte le scelte della vita generino sofferenze, il compromesso è qualcosa a cui tutti bene o male ci dobbiamo adeguare. Lasciare i figli a scuola tutto il giorno non è una tragedia e magari loro si divertono anche. Io personalmente preferisco averli a casa e le mie scelte mi consentono di farlo. I nostri figli non ci ringrazieranno nè per una scelta nè per l'altra, ci ringrazieranno (forse, ma non credo) se ciò che facciamo lo facciamo sorridendo.
Ciao.

Franci [dolce casa] ha detto...

teresa: ciao, abbiamo scritto insieme! A me la mensa non piace! Bio o non bio, socializzazione o non socializzazione...proprio non mi piace! Non c'è polemica è proprio che non mi va...
Un caro saluto

laroby ha detto...

tavola bellissima e pensieri encomiabili e moralmente ineccepibili, che piacciono alle mamme. forse i bambini amerebbero a stare più con i coetanei, a mangiare qualche schifezza ogni tanto (che ci sta),in mezzo ad un disordine creativo che stimola e diverte...
con questo trovo la tua tavola very chic ma ... dai trenta in su!!!
:-)

lucia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
lucia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
lucia ha detto...

ti prego, dimmi che questa tavola è quella della domenica o delle grandi occasioni! Anche i miei figli tornano a casa a mangiare 3 giorni su 5 (ottimo compromesso, direi) ma tavola e menù sono alquanto spartani!

Simo ha detto...

Mi piacerebbe troppo poter fare come te...ma purtroppo da noi (nel mio paese) la scuola è a tempo pieno e non c'è scampo. Appena posso porto mia figlia a casa a mangiare, ma spesso è un tour de force e lei stessa a questo punto preferisce stare in mensa.
Mi godo però la tua bellissima tavola...un abbraccio

daniela rota nodari ha detto...

Ciao Franci,
questa sera ho scoperto il tuo blog
è allo stesso modo accogliente e raffinato complimenti!!!
.. una "Mise en table" molto elegante.
A presto
Kisses :)
Daniela da Milano

Patricia ha detto...

Il tuo post casca a pennello. Arriva l'iscrizione alla prima media per Carla e anche noi abbiamo deciso per il tempo corto con Sabato a scuola. La cosa più bella è che, non solo lo voglio io, ma lo vuole anche lei, questo mi fa dedurre che le piace tornare a casa ed io sono contenta, anche perchè potro' passare un po' di tempo da sola con lei il che accade molto di rado. E' talmente cresciuta!! non solo perchè è alta come me e porta il 39 di scarpa ma perchè è proprio una adolescente nel modo di comportarsi e sento che abbia tanta voglia e bisogno di stare con me a parlare:) Tutti e due vanno a uno scuoletta meravigliosa con saletta da pranzo apparecchiata in modo delizioso ed è compreso l'insegnamento del saper stare a tavola!! Bellissima la mise della tua tavola (quei piatti di Flamant li ho anch'io!!)deliziosi i piattini del pane in tinta. Che logorroica... vado a dormire!!!
Un abbraccio:)
Patricia

Di Cuore ha detto...

che bella tavola!

G.

Anonimo ha detto...

Che bello il tuo blog..trasmette serenità e calore ! Anche le mie bimbe purtroppo fanno tempo pieno a scuola, per esigenze di lavoro..non ho potuto scegliere diversamente, però torno alle quattro, posso andare a prenderle e fino all'ora di nanna sono tutte mie ! Anch'io tengo molto alla tavola ben apparecchiata anche se la mia non è bella come la tua ! Complimenti Franci, sicuramente troverò molti spunti leggendoti, grazie ! Cinzia di Milano

Fico e Uva ha detto...

Cara Franci devo darti ragione su di un concetto che trovo molto in linea con il mio pensiero che è: "ci ringrazieranno (forse, ma non credo) se ciò che facciamo lo facciamo sorridendo"
Sai che la mia bimba si chiama proprio come la tua??
ciao fico&uva

Magnolia Wedding Planner ha detto...

brava brava brava, se c'è un periodo meraviglioso del presuperiori era il tornare a casina e infilarmi le pantofoline calde e essere coccolata ;-)
ahh torta capovolta e caramellosa provata: successone :-D grassssie!

Anonimo ha detto...

....la mia antipatia è per gli ombrelli ed io sono antipatica a loro, quindi ho socializzato con i cappelli...tanti cappelli...ma tu i tovaglioli, dimmi dimmi con che cosa li hai sostituiti?????....birichini chissà cosa combinate in questa splendida tavola!annafragole

Irene b ha detto...

cara Franci, dici bene e sono sicura che abbiamo fatto la scelta giusta ( io sto appena iscrivendo alle elementari la ia piccola secondo i tuoi stessi criteri)!!
Il ricordo della mamma ce ti aspetta a pranzo dopo la scuola è come il profumo di una torta appena sfornata : indelebile e terapeutico!
baci

Franci [dolce casa] ha detto...

laroby: di disordine creativo trovo che in giro ce ne sia già anche troppo...

lucia: casa è sempre casa, anche spartana...capita anche a me di fare un toast e via...e che cavolo! Umana sono!

simo: ti capisco!!! Pazienza...

daniela: ciao, benvenuta...grazie.

patricia: crescono davvero così in fretta, anche la mia bimbetta si ritrova con un 41 di piedi e atteggiamenti che tentano di farla sentire grande. E' un bellissimo traguardo il fatto che la tua Carla abbia voglia di stare con te e non si isoli nei suoi pensieri, è bello poterle aiutare, a volte basta davvero poco.
Ciao ciao.

G.: grazie, ciao.

cinzia: grazie per essere passata. Le tue bimbe sono fortunate ad avere una mamma che dedica loro tempo di qualità.
Ciao, grazie.

fico&uva: è un concetto fondamentale...li cresciamo, li aiutiamo a volare e non vogliamo nulla in cambio.
W le Vittorie...
Ciao ciao

silvia: ma che goduria sono le pantofoline! Mi hai capita al volo!
Bacio

anna: i tovaglioli non mi piace lavarli (hanno sempre macchie impossibili), stirarli (tutto quel piega e ripiega)...tieniti forte, non inorridire...all'occorrenza lancio al volo un pezzo di scottex...sono umana anch'io, l'ho detto sopra!!
Abbraccione grande.

irene: è proprio così, quel tornare a casa e trovare la pentola che bolle, il profumo di sugo, la tavola apparecchiata...a volte è un sacrificio, ma un regalo grande per i nostri figli.
a presto

Laura ha detto...

Ciao Franci, anch'io sono nuova di qui ma d'ora in poi il tuo blog non me lo perderò più ! Già messo nei preferiti :) Da mamma sono d'accordo con te... qualsiasi scelta si faccia (o si debba fare...) l'importante è l'atteggiamento, poi magari in ogni caso non ci ringrazierà comunque nessuno !! Eeeee per tornare alla tua tavola... di chi sono i piattini per il pane ? Magari li trovassi anch'io......... Alla prossima ricettina !!

luna ha detto...

ciao Franci non avevo mai visitato il tuo blog prima, trovo che sei bravissima e volevo dirtelo, lasciandoti anche un saluto!
A presto

Letizia ha detto...

Ciao! Mia figlia fa il primo anno di asilo ed è l'unica che non mangia alla mensa!A me piace vedere come mangia e più che altro cosa mangia ma quello che amo di più è stare tutti e tre a tavola...ho scelto così, sono stata criticata dalle altre mamme ma siccome sono a casa 24h24 perchè privarmi di mia figlia durante il pranzo?Non mi da mica noia!(come pensano tante mamme dei loro figli!!!)Penso alle elementari...vicino casa ho una piccolissima scuola elementare (5 classi)a 100 metri dal mare (un chiccino!!!) ma fa solo tempo pieno...speriamo che di qui a quando toccherà a Giulia abbiano messo una classe con le sue 4h normali come una volta....
Lety

Franci [dolce casa] ha detto...

laura: ciao, grazie...com'è bello stare tra i preferiti!
Piattini del pane trovati ad un mercatino.
Ciao a presto.

luna: grazie, il tuo saluto e il tuo passaggio sono per me un piacere.
Ciao ciao.

letizia: ti auguro di cuore che quelle 4h come una volta si decidano a metterle in pratica.
Come ti capisco!

Related Posts with Thumbnails