Piccole rose [torta di rose versione rivisitata]

12 gennaio 2010 martedì

Sarà stato circa un annetto che non mi cimentavo nella torta di rose. Faccio un po' così, c'è il periodo in cui mi fisso con un dolce e lo preparo giorno sì giorno no, poi all'improvviso l'entusiasmo diminuisce e comincio ad intestardirmi su altro. Questo week end è stato un nuovo accanimento "torta di rose". Sabato l'ho preparata più o meno nel solito modo saltando però la prima lievitazione e facendo subito l'impasto con tutti gli ingredienti. Il risultato è stato pessimo, la torta è risultata pesante e poco lievitata. Non mi sono rassegnata e domenica ho voluto riprovare con alcune modifiche e il risultato è stato perfetto. Le modifiche apportate hanno riguardato la quantità di zucchero e il momento della sua aggiunta.Vi riporto la ricetta e vi garantisco che a piccole roselline il dolce è davvero delizioso.
P.S. Voglio ringraziare tutte le persone che mi commentano, mi scrivono, mi linkano e mi leggono ogni giorno. Vi ringrazio davvero di cuore e ogni vostro passaggio mi è gradito. Mi scuso se non vi dedico la dovuta attenzione con risposte accurate sia via commento che via mail, ma davvero il tempo che posso dedicare al mio blog è davvero poco e ciò che riesco a fare è ciò che vedete, di più mi è impossibile. Vi abbraccio di cuore e vi ringrazio per le belle cose che mi scrivete.
Ingredienti
250g di farina Manitoba
250g di farina 0
125ml di latte
40g di zucchero
65g di burro
2 uova
25g di lievito di birra
sale
vaniglia
ripieno
120g di burro
170g di zucchero
vaniglia
Miscelare le due farine in una ciotola. Sbriciolarvi il lievito e aggiungere il latte tiepido. Con una forchetta (o con l'impastatore) incorporare il latte con le farine. Aggiungere le uova e miscelare. Aggiungere il burro morbido e lavorare. Infine incorporare lo zucchero, il sale e la vaniglia. Lavorare energicamente per qualche minuto. Porre a lievitare in una ciotola coperta con carta trasparente in un luogo tiepido per 1 ora e 30. Riprendere l'impasto e stenderlo con il mattarello in un rettangolo sottile. Lavorare a crema gli ingredienti del ripieno e spalmarli sul rettangolo. Arrotolare per il lato più lungo e tagliare a tronchetti. Disporre ogni tronchetto in uno stampino da muffin rivestito di carta forno. Lievitare 40 minuti. Cospargere di zucchero e infornare in forno caldo a 180° per 20/30 minuti per le rose singole, oppure 40 per la torta grande.
Per il consumo nei giorni successivi alla preparazione passare un attimo nel microonde.

20 commenti:

Simo ha detto...

Buone belle e delicate queste roselline...io ho fatto una variante simile...se vuoi fai un giro e le vedrai!
Un abbraccio

Gloria ha detto...

Sono sicuramente buone, hanno un aspetto tanto delicato e rustico allo stesso tempo! Bravissima!

Ballerina75 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Ballerina75 ha detto...

Cara Franci,
ti commento proprio perchè hai scritto che ti fa piacere...
Leggo il tuo blog con un sorta di ammirazione: sono una di quelle che ambirebbe a preparare queste delizie, ad avere la cucina perfetta con tutti gli ingredienti a portata di mano, a ricevere ospiti tutte le sere, MA
in realtà sono la tipica single che si ritrova a mangiare colazione in piedi mentre dà la pappa al cane e invia un sms, saltare la cena perchè 'tanto è tardi', guardare nel frigo apparentemente pieno ma rendersi conto che contiene solo verdure sottolio da aperitivo, yogurt di soja e bottiglie di vino. Ho la dispensa piena di spezie che non uso ma di cui mi drogo annusandole profondamente nel barattolo, amo cucinare ma devo avere qualcuno di speciale a cena per motivarmi e, sostanzialmente, corro continuamente dietro al tempo che stringe.
Tutto questo per dirti che, proprio per queste ragioni, leggere i tuoi post mi trasmette una pace e una serenità interiori che tu non immagini. Una parte di me vorrebbe tantissimo riuscire a preparare e soprattutto confezionare (packaging-power!) queste chicche meravigliose.
Un giorno riuscirò a fare anche questo, oltre al resto. E fino ad allora collezionerò i tuoi consigli, seguendo il feed del tuo blog.
Mi allietano tanto anche i tuoi accostamenti di colori, la scelta di stoviglie e tovaglie e le atmosfere english style degli angoli di casa tua che lasci intravedere. Non so, io sono quasi all'opposto, un po' minimal, un po' afro, un po' meltin' pot, eppure mi affascina e rapisce questo tuo modo accogliente di far entrare i visitatori nel tuo mondo.
Quindi GRAZIE!
PS se un giorno mi metterò mai a preparare uno dei tuoi dolci, prometto che sarai la prima a saperlo :)
A presto.
gbv

frenci ha detto...

non è la prima volta che da te trovo idee geniali, di quelle che viene da dire: ma come ho fatto a non pensarci prima? amo la torta di rose, ma queste singole roselline sono di un'eleganza unica, molto più belle del dolce originale... non conta la quantità del tempo che dedichi al tuo blog, cara franci, conta l'altissima qualità di tutto quanto ci proponi, grazie ancora e buon proseguimento!

Federica ha detto...

Complimenti come sempre, la torta alla rosa non l'ho mai sentita, sicuramente sarà buonissima e delicata.
Un caro abbraccio,
Federica.

Patricia ha detto...

Buonissima... e anche bella!!!
E poi impastare con KA sarà un'altra cosa!!! (io sono qui che l'aspetto ancora:(...)
Un abbraccio
Patricia

Lady Cocca ha detto...

Che belle sembrano rose vere...ed è una splendida versione di torta...bravissimaaaaa

Anonimo ha detto...

....io dico che non esisti...per me sei un personaggio di qualche fiaba ambientata in un epoca da sogno...annafragole

Chiarina ha detto...

Questo è uno dei dolci che amo di più, ma non mi sono mai cimentata, me ne hai fatto venire voglia :)
Sono capitata per caso qui e ti metto subito fra i miei preferiti :)
Chiara

titti73 ha detto...

Non mi va di essere troppo banale nel commentare, perchè sicuramente ripeterei tutto ciò che di buono ti hanno già detto e ti dicono le altre. Io quindi mi accodo moltiplicando tutte le belle parole che già ricevi aggiungendo che è meraviglioso il profumo virtuale che sai far derivare dal tuo blog. Complimenti per tutto davvero. Titti

simonapinto ha detto...

che bella scoperta il tuo blog!...a presto!

Fico e Uva ha detto...

che meraviglia queste roselline!!!
sei sempre delicata come loro! baci f&u

Patricia ha detto...

Ciao Franci: allora mi sono informata, il colore dipende dal bicarbonato (reazione di Maillard, detto da Bressanini).
Tu metti 1 cucchiaino da caffè o da tè di bicarbonato?
Adesso che mi hai posto questo quesito del colore sono proprio curiosa di capire.
Grazie, a presto
Patricia

Patricia ha detto...

Franci: svelato il mistero perchè io ne metto una da caffè e abbastanza rasa. Prossima volta provo con una da tè.
Pensa che prima l'outlet di Maliparmi era a 100 mt. di casa mia in Via Saccardo!!! Ho sempre visto l'Officina ma non ho mai mangiato.... e allora sei stata da Flamant;)).
Prossima volta, se vieni a PD e hai tempo e voglia ci troviamo per un caffè.
Ciao, a presto!
PS: io non mi sento sempre un passo indietro ma decisamente imperfetta!!!

Patricia ha detto...

PS 2: ti porto alla pasticceria Baesato: delizie divine!!!

Franci [dolce casa] ha detto...

Io e Patricia stiamo parlando del dulce de leche e del fatto che il suo ha un colore chiaro e il mio scuro. Pare che ciò sia da attribuire alla quantità di bicarbonato: cucchiaino da caffè per colore chiaro, cucchiaino da tè per colore scuro. Io preferisco vederlo più chiaro, perchè il mio è davvero troppo scuro, perciò la prossima volta meno bicarbonato.

Patricia: con l'outlet di Maliparmi vicino a casa io credo che avrei rischiato di perdere la ragione! Mi piace un sacco!
Ma c'è Flamant a Padova? Sai che non lo sapevo? All'Officina se ti capita l'occasione prova ad andare perchè ho mangiato davvero bene, anche se ho trovato un po' di critiche da fare al "look" del locale, ma io in tal senso sono una supercriticona! Per la pasticceria Baesato...ci sarò!
Ciao, a presto.

fiordisale ha detto...

anch'io ogni tanto mi fisso coi dolci e se questo we non fossi andata via avrei fatto (ascolta bene eh) la torta di rose, si però tutta rivoluzionata, ce l'ho solo nella testa e spero di farla al più presto!

Licia ha detto...

Appassionata di cucina, sono capitata sul tuo blog per caso, su consiglio di un'amica.. e sono stata rapita, catapultatta in un'oasi di calma e dolcezza.. Grazie!
La torta di rose - io la chiamo così - è uno dei miei dolci preferiti ma non avevo mai osato cimetarmi. Poi ho visto la tua ricetta, e ho trovato il coraggio. Il risultato è stato strepitoso. Grazie mille!!!

Franci [dolce casa] ha detto...

licia: grazie a te e grazie all'amica...
Mi rende felice sapere che la torta di rose sia venuta bene, temo spesso che le mie spiegazioni non siano sufficientemente chiare e specialmente in questa torta i vari passaggi sono importanti e non dettagli da poco...
Un caro saluto.
Franci

Related Posts with Thumbnails